Giallo Nord

Proponiamo la lettura di alcuni romanzi gialli di autori del Nord Europa, caratterizzati da una grande varietà narrativa: negli ultimi anni sono stati molto apprezzati per la particolare atmosfera, che rende l'intrigo più misterioso, ma anche per le dettagliate descrizioni di panorami per noi così insoliti. L'elemento più affascinante rimane però l'introspezione psicologica dei personaggi, che rende irresistibili questi thriller.

Merete Lynggaard, giovane parlamentare danese di successo, è a bordo di un traghetto il giorno in cui scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi di suicidio, rapimento, omicidio fino alla sparizione volontaria, si avvicendano. La polizia mette in campo tutte le forze, ma la donna sembra inghiottita dalla terra. Merete però non è morta. Chi la tiene segregata in modo disumano in una prigione di cemento? E perché? Cinque anni dopo, Carl Morck, poliziotto svogliato e burbero, una spina nel fianco per tutti i colleghi, decide di riaprire le indagini con il nuovo reparto speciale per i casi irrisolti. Procedendo a ritroso nel tempo, Morck e il suo misterioso assistente siriano Assad, si lanciano in una battaglia contro il disegno delirante di un criminale folle.

Da diciassette anni l'ispettore Christian Habersaat cerca senza successo di far luce sulla morte misteriosa di una ragazza,che gli apparve allora su una strada di campagna, appesa a testa in giù tra i rami di un albero. La Sezione Q, specializzata in casi irrisolti, è la sua ultima speranza contatta l'ispettore Mørck che è riluttante ad accollarsi il caso. Ma quando poche ore dopo la telefonata Habersaat muore in circostanze oscure, Mørck si precipita nella remota isola del Mar Baltico insieme ai suoi stravaganti assistenti, Rose e Assad per indagare.

Nete Hermansen era riuscita a scappare da una piccola isola remota dove un tempo venivano relegate donne scomode, o semplicemente sfortunate, umiliate in nome del mantenimento di un ordine folle. Il giorno in cui il passato la riagguanta, la sua sete di vendetta si fa incontenibile, e la Sezione Q guidata da Carl Mørck si trova ad affrontare uno dei casi più difficili che abbia mai avuto tra le mani. Cosa successe, veramente, su quell'isola cinquant'anni prima? Il macabro scenario che emerge dopo la riapertura di un cold case sull'inspiegabile scomparsa di una prostituta, è solo una piccola tessera di un mosaico molto più grande.

Sono giovani, belle e spavalde, indossano abiti alla moda e trascorrono ore a truccarsi e a pettinarsi. Sognano le luci dello showbiz e le copertine delle riviste, ma intanto sfruttano gli uomini e la generosità del welfare danese. Vivono di espedienti e non hanno paura di niente. Non si rendono conto, però, che il pericolo è in agguato là dove meno se lo aspettano, incarnato dalla persona che avrebbe il compito di proteggerle e aiutarle a riconciliarsi con la società e con la vita attiva. Sta a Carl Mørck con la sua squadra della Sezione Q crimini irrisolti indagare e scoprire la persona dalla mente turbata che ha deciso di affrontare a modo suo quei “parassiti”.

Un gruppo di persone influenti, la cui maggiore aspirazione è vivere al limite, ha fatto di Arancia meccanica il film culto. Un collegio esclusivo li ha uniti in gioventù, e dopo vent'anni la passione per la caccia li tiene ancora insieme. Sono potenti e ricchi, ma nonostante le carriere impeccabili, sui loro anni di scuola circolano sospetti di violenze mai denunciate, perfino del tragico omicidio di fratello e sorella, i cui corpi martoriati furono ritrovati in una casa di vacanza nei pressi del collegio. Le carte del caso, ormai archiviato, finisce misteriosamente sulla scrivania di Carl Morck che con l'aiuto di Assad, decide di riaprire le indagini.

Dalla costa danese alle Orcadi una bottiglia con un vecchio messaggio torna in Danimarca e finisce sulla scrivania dell'ispettore Carl Morck, capo della Sezione Q per i casi irrisolti. Il testo risulta incomprensibile, a parte una parola, scritta con il sangue: AIUTO. Si scopre che il messaggio è stato lanciato da due ragazzi imprigionati. Ma chi sono? E qualcuno ne ha denunciato la scomparsa? Potrebbero essere ancora vivi? Durante l'indagine dal ritmo incalzante Morck incrocia un uomo misterioso che lo conduce nel mondo chiuso delle sette religiose, e che conosce la verità spaventosa che le onde del mare hanno trascinato alla deriva troppo a lungo.

Charlie Eriksson si butta dall’undicesimo piano di un condominio a Stoccolma. Il caso è archiviato come suicidio anche se poche ore prima, è stata vista da un barbone fuori da una discoteca, con un uomo dai modi minacciosi. Ma nessuno crede ad un senzatetto inoltre la vita della donna era segnata dalla droga. La sorella Helene però dubita del suicidio e vuole sapere la verità e scoprire perché un mese prima era andata a Buenos Aires? Gli indizi la riportano al 1970, alla dittatura di Videla e al dramma dei desaparecidos. Helene scopre così che ancora oggi persone pronte a mettere a tacere la verità su un passato brutale che brucia ancora come una ferita ancora aperta.

A Stoccolma è un freddo e piovoso venerdì di maggio, quando la piccola Lycke, di otto anni, scompare improvvisamente nel centro della città. La rete televisiva nazionale si lancia subito sulla notizia e manda sul campo un’inviata specializzata in cronaca nera, Ellen Tamm. Chi ha visto Lycke per l’ultima volta? Chi sono i suoi genitori? Il padre e la madre di Lycke sono separati ed è stata la nuova moglie del padre ad accompagnare la bambina al centro sportivo, dove se ne sono perse le tracce. La donna, madre a sua volta da poco, racconta la sua versione dei fatti, ma ci sono delle zone d’ombra nella testimonianza.

Isola di Nordkoster, 1987 ha paura, Ove ha solo nove anni e vede sulla spiaggia tre persone vestite di nero sepollire una donna sotto la sabbia, lasciando fuori soltanto la testa. Il piccolo Ove, quando gli sconosciuti lasciano la donna al suo destino, corre a chiamare aiuto. Ma è troppo tardi. Stoccolma, 2011, Olivia ha ventiquattro anni ed è pronta a tutto pur di scoprire la verità su quanto accaduto a Nordkoster.

Richmond, Virginia, oggi. Efrahim Bond, il curatore dell'Edgar Allan Poe Museum, ha appena fatto una scoperta sensazionale. Ma i documenti relativi a quel testo arrivato dalla Norvegia saranno l'ultima cosa che vedrà prima di essere messo a tacere per sempre. Bergen, Norvegia, 1528. Il frate aveva giurato che non avrebbe più messo piede nella terra maledetta della sua infanzia e della sua sofferenza. È lì che si trovano i pregiatissimi coltelli che sta cercando da anni, gli strumenti che hanno permesso al suo maestro, Alessandro, di diventare il più celebre anatomista dell'epoca. Per aiutarlo a ottenere una simile gloria, il frate ha dovuto pagare un prezzo altissimo. E ora è giunto il tempo della vendetta.

Vero e proprio caso letterario in Svezia, Lo strano caso di Stoccolma è la storia di Vincent, un giovane tossicodipendente che vive nei bassifondi di Stoccolma e lascia il suo squallido appartamento solo per procurarsi le dosi. Ma la sua triste routine viene scossa quando, tornando a casa, trova una ragazza legata e bendata in salotto. La sconosciuta si presenta come Maria Magdalena: è stata minacciata di morte da una banda che ha poi deciso di tenerla prigioniera proprio lì. Non importa quale sia il segreto di quella ragazza: salvarla può dare un nuovo senso alla vita di Vincent…

Un giovane turista svedese viene torturato a morte in un albergo di Londra. A distanza di pochi giorni, a Göteborg viene rinvenuto il cadavere di un altro ragazzo, ucciso nello stesso modo. I due delitti sono collegati? Ne è convinto Erik Winter, ispettore dallo stile raffinato, amante delle belle donne, degli abiti firmati e della musica jazz, chiamato a occuparsi del caso assieme al collega inglese Steve Macdonald, un tipo assai diverso da lui. La pista battuta sembra condurre al mondo della pornografia e degli snuff movie, ma saranno i vestiti insanguinati trovati casualmente da un ladro mentre rapina un appartamento a dare una svolta alle indagini...

Arhus, Danimarca alla discoteca Showboat la tensione è altissima perché a un gruppo di immigrati è stato negato l'ingresso. Diete fiuta lo scoop e accorre, ma al porto non la aspetta solo il caos del locale. Dietro un container c'è il cadavere di una ragazza, coi segni di un taglio cesareo. Chi è? Chi l'ha lasciata morire dissanguata? Diete indaga e insieme all'amico poliziotto John Wagner  scopre un traffico di bambini, prostitute e ragazzi senza futuro. E in un finale claustrofobico, scoprirà anche che il colpevole di tanto danno può essere la persona più insospettabile.

Il settantenne Jacob Lind viene trovato morto dopo una festa del centro ricreativo per anziani di Hamar, tranquilla cittadina norvegese. Il caso potrebbe essere archiviato come morte naturale, ma vi è una serie di dettagli singolari: Jacob Lind all'anagrafe non esiste e due donne dichiarano di esserne le fidanzate. Sul caso indagano il commissario Valmann, solitario vedovo di mezza età e la sua giovane assistente. Tutto sembra ruotare attorno a Elise Valmoe, una delle  fidanzate. Che cosa si nasconde dietro l'antico quadro della deposizione di Cristo, appeso nella sua camera, su cui si concentrano le ossessive fantasie e gli ambigui interessi di chi la circonda?

A Christianssund, un delizioso un centro storico affacciato su un bel fiordo, si viene a sapere di un giovane cacciatore di dote che, per tutta la Danimarca, seduce e poi abbandona facoltose donne di mezza età che rincorrono un irraggiungibile sogno d’amore. Anche Ursula Olesen è caduta nella rete, e quando scopre che l’uomo che doveva sposare è scomparso con il suo intero patrimonio, decide di rivolgersi a Dan Sommerdahl, che si mette subito al lavoro, e scopre presto che la losca attività del seduttore sconosciuto è collegata al brutale omicidio di uno studente appassionato di computer…

Rientrando in casa, la scultrice Kamille Schwerin – artista di successo e moglie di uno degli uomini più ricchi e influenti del paese – trova il suo atelier devastato: decine di sculture sbriciolate a colpi di martello. E al centro delle macerie c’è il corpo senza vita di sua madre. Poco dopo, Kamille comincia a ricevere lettere di minaccia e a subire misteriosi incidenti, e la polizia si convince che il vero obiettivo dell’assassino era lei. Per mancanza di prove l’ispettore Flemming Torp deve interrompere le indagini. Un anno dopo, quando Dan Sommerdahl, il Detective Calvo, si fa coinvolgere in un reality show al quale parteciperà anche l’artista, Flemming Torp intravede una nuova possibilità di risolvere il mistero.

Iraq, 2005. Rikke Lyngdal, giornalista danese inviata speciale al seguito dell'esercito del suo Paese, viene rapita da un gruppo di terroristi e mutilata in diretta televisiva. Il prezzo del riscatto? Il ritiro delle truppe danesi. Il mondo intero assiste alla vicenda col fiato sospeso. Quando ogni speranza sembra infrangersi, Rikke riesce però a sfuggire ai suoi carcerieri grazie alla complicità di uno di loro. Accolta in patria come una vera eroina nazionale, Rikke racconta la sua versione dei fatti. Ma quella rivelata alla tv è proprio la verità? E se Rikke avesse mentito? Se fosse lei stessa una complice del giovane "terrorista" dagli occhi blu? E se un giorno un clandestino con lo stesso sguardo bussasse alla sua porta nella "civile e sicura" Danimarca?

Per la polizia è stato un incidente. Il piccolo Esajas correva sul tetto innevato quando è caduto ed è morto. Ma Smilla non è convinta: lei viene dalla Groenlandia, e la neve la conosce bene, sa leggervi le tracce, e le impronte del bambino le dicono che non si è trattato di un incidente... Mentre Copenaghen si prepara a celebrare il Natale, Smilla inizia a investigare, trovandosi a confronto con una serie di inquietanti personaggi. La sua è un'indagine che porta lontano, su una nave la cui meta misteriosa è un punto deserto della calotta polare. Perché là, fra quei ghiacci è nascosta la verità. Una verità che forse, inconsciamente, Smilla ha sempre inseguito.

C'è un biglietto dal significato misterioso accanto a corpo del vecchio Holberg, trovato col cranio sfondato nel suo appartamento di Reykjavik. Al commissario Erlendur, solitario cinquantenne divorziato, a cui vengono affidate le indagini, sembra un caso banale, ma non appena comincia a scavare nella vicenda emergono sul conto dell'uomo dettagli inquietanti che conducono a un passato torbido, fatto di stupri e di perversioni. Ma non solo. Indizio dopo indizio, Erlendur scoprirà che sotto una città apparentemente tranquilla si cela un mondo sotterraneo, macabro e sconosciuto: la "città dei barattoli", la sezione della facoltà di Medicina in cui un tempo venivano conservati organi umani a scopi scientifici e didattici...

In una Reykjavík avvolta nella coltre di un gelido inverno l'agente Erlendur Sveinsson affronta un caso che lo costringe a confrontarsi con i fantasmi del passato. La morte di Elias, dieci anni, madre thailandese e padre islandese, trovato accoltellato nella neve in un giardino, lo tocca nel profondo. Una vicenda che alimenta in lui l'angoscia per quel fratello perso da piccolo nella brughiera nel pieno di una bufera... Il burbero poliziotto e la sua squadra iniziano l’ indagine. Il fratellastro di Elias è scomparso: è implicato nella morte del piccolo o teme per la propria vita? Da colloqui con compagni e insegnanti emerge una realtà di tensioni razziali. Nessuna pista viene trascurata, dalle bande neonaziste allo spaccio di droga, alla pedofilia, ma la verità è molto più semplice...

Sulla collina di Grafarholt, alle porte di Reykjavík, viene rinvenuto uno scheletro, una mano che spunta dal terreno in un'ultima, disperata richiesta d'aiuto. A chi appartiene quella mano? Il commissario Erlendur e colleghi, con l'aiuto di una squadra di archeologi, si mettono al lavoro per estrarre i resti, ma le indagini sembrano non portare a nulla di concreto. Le piste che conducono alla collina sono numerose e si perdono nel passato, negli anni ormai lontani della seconda guerra mondiale, quando lassù sulla collina, accanto ai cespugli di ribes, sorgeva una casa e abitava una famiglia. Lassù oggi non c'è più nulla. Ma una donna continua ad aggirarsi lì attorno. Vestita di verde. Storta. È lei che bisogna cercare...

Sembra un semplice caso di scomparsa, quello su cui l'ispettore Fredrik Beier, della polizia di Oslo, comincia a indagare. Certo, rischia di fare clamore, perché a sparire nel nulla è stata la figlia di un'esponente di primo piano del partito di governo. E perché la ragazza viveva all'interno di una setta cristiana, la "Luce di Dio". Ma il quadro si complica subito: nella villa che ospita la setta si consuma un massacro e nei sotterranei viene scoperto un laboratorio chimico all'avanguardia, del quale non è chiaro l'uso. C'è chi chiama in causa il terrorismo fondamentalista, chi soffia sul fuoco. Ma Beier, affiancato da una giovane e brillante agente musulmana, Kafa Iqbal, capisce che dietro al laboratorio, e alla strage, c'è una verità assai più complessa e che arriva ad affondare le sue radici fino a Vienna, negli anni del nazismo.

Copenaghen. Nina Borg, un'infermiera della Croce Rossa, che lavora con i rifugiati è abituata a situazioni d'emergenza, Nina è incapace di tracciare una linea fra la sua vita privata e quella lavorativa. Madre svagata e moglie assente, persa nelle sue improbabili missioni umanitarie. Poi, un giorno va a ritirare una valigia in un deposito bagagli. All'interno, rannicchiato, c'è un bambino di tre anni. È vivo e Nina sa che le autorità si limiteranno a scaricare "la pratica" a un istituto. Smarriti entrambi tra le maglie di un enigma il bambino e la donna sanno che la loro vita è appesa a un filo.

Una notte di tormenta con la temperatura a meno trenta. Una cortina di gelo avvolge la città. Questa giornata non è fatta per i vivi, pensa Malin Fors, la detective di Linkòping, in Svezia, che cerca spesso consolazione nell'alcol e si fa coinvolgere in precarie storie sentimentali. Per lei ogni indagine è una missione, la possibilità di redimere un mondo in cui vittime e colpevoli sono due facce della stessa medaglia. Questa giornata non è fatta per i vivi. E infatti, nella campagna ghiacciata, impiccato a un albero, è stato ritrovato un uomo. Sui quarant'anni. Nudo. Obeso. Coperto di lividi e di ustioni. Chi l'ha ucciso non ha lasciato tracce. Nessuno sa chi era quell'uomo. O, forse, nessuno ha mai voluto saperlo. E allora perché è stato ucciso?

È notte di neve a Stoccolma, Mikael cammina lungo i binari di un ponte ferroviario in direzione del centro. Perde sangue ed è in stato di shock: nel suo delirio parla di un uomo della sabbia. Il ragazzo risulta scomparso da dodici anni e da sette è stato dichiarato morto. All'epoca lo si credeva annegato insieme alla sorellina, Felicia, sebbene i corpi non siano mai stati trovati. Il commissario Joona Linna. Ha sempre saputo che i due fratelli erano vittime di, Jurek Walter, un serial killer catturato anni prima e detenuto in isolamento nell'unità di massima sicurezza dell'ospedale psichiatrico Lowenstromska. Qualcuno deve introdursi nell'ospedale e conquistare la sua fiducia e indurlo a parlare.

Erik Maria Bark famoso ipnotista svedese, si rivolge alla polizia. Il suo paziente Björn sa cos’è accaduto a sua moglie, Susanna, ma non riesce a ricordare. Susanna è l'ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia sfidando le forze dell'ordine. Entra in casa, insegue le vittime e uccide. Erik Maria Bark è l'unica persona in grado di fermare la strage. Però Erik non sa che durante l'ipnosi emergeranno dettagli incriminanti del passato che lo riguardano. E non sa che il poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Joona Linna è scomparso nel nulla da un anno e dichiarato morto dalle autorità.

1938. La Germania nazista sta destando paura in un'Europa che è sull'orlo di un secondo conflitto mondiale. Tornato a Helsinki dopo una fallita carriera diplomatica e abbandonato dalla moglie, l'avvocato Claes Thune si ritrova solo mentre perfino gli amici del suo Circolo del mercoledì sono sempre più divisi. In questo universo rigorosamente maschile e altoborghese orbita un'unica donna, Matilda Wiik, la nuova segretaria di Thune: silenziosa, riservata, impeccabile, ma in realtà tormentata dai ricordi di ciò che ha subito nella guerra civile di vent'anni prima, e ora incapace di resistere alla voce dentro di sé che la spinge a una lenta e disperata vendetta.

Ebba fa ritorno a Valö, una splendida isola nell'idillio dell'arcipelago svedese. Vuole rimettere a posto la colonia che le appartiene e che non ha più rivisto da quando la sua famiglia scomparve nel nulla, lasciando la tavola apparecchiata e una bambina, Ebba, di un anno che vagava smarrita. Nessuno stabilì cosa fosse accaduto. Ed Erica Falck vuole  riprendere in mano un’indagine su quell'oscura storia. Sembra però che per Ebba non ci sia pace. Qualcuno vuole allontanarla, disposto a qualsiasi cosa per proteggere il segreto dell'isola. Dopo un incendio scoppiato nella notte, le minacce si fanno sempre più incalzanti: Ebba ha già perso tutto, eppure c'è ancora qualcuno che desidera la sua morte.

È inverno nella deserta Fjällbacka, quando una ragazza vaga confusa nel bosco carico di neve. È ferita e ha i piedi scalzi, gli occhi simili a due buchi neri in un viso bianchissimo. La sua fuga finisce sotto un'auto che la investe, uccidendola. Patrik Hedström e la sua squadra di investigatori identificano la vittima. Era scomparsa da quattro mesi. Ma il suo corpo ha segni che nessun incidente può spiegare. Patrik pensa subito alle adolescenti scomparse negli ultimi due anni. Potrebbe davvero esserci un collegamento? Intanto, Erica Falck è alle prese con un nuovo libro. Sta facendo ricerche su una vecchia storia che, iniziata con il festoso arrivo di un circo, con il passare del tempo si è trasformata sempre più in una macabra leggenda senza risposte.

In una notte d'estate, un'auto sfreccia sulla strada che collega Stoccolma alla costa occidentale. La donna al volante ha le mani sporche di sangue. Insieme al figlio, Annie sta fuggendo verso Gråskär, nell'arcipelago di Fjällbacka. Quell'isola scabra, con il faro bianco e la vecchia casa della sua famiglia, l'unico posto in cui si sente al sicuro. La leggenda popolare vuole che vi si aggirino gli spiriti dei morti, ma questo non la turba Annie. A Fjällbacka, Patrik, rientrato in servizio, è alle prese con l’uccisione del dirigente del comune ucciso da un colpo di pistola. La vittima prima di morire aveva fatto visita ad Annie all'isola e sembra essere stato un uomo dai mille segreti.

Un mazzo di gigli bianchi e un biglietto. L'ennesimo. Christian Thydell durante il lancio del suo romanzo d'esordio, riconosce sul biglietto la stessa calligrafia elaborata di chi da oltre un anno lo perseguit. A Erica Falck, sua preziosa consulente nella stesura del libro, confessa di ricevere lettere anonime da uno sconosciuto con minacce di morte. Quando dal ghiaccio viene ripescato il corpo di un vecchio amico di Christian scomparso tre mesi prima, l'ispettore Patrik Hedström si convince che tra i due episodi ci sia una relazione e comincia a indagare. Intanto Erica, in attesa di due gemelli, decide di seguire una pista tutta sua. Chi meglio di lei conosce la psicologia di uno scrittore?

Marie Wall, star di Hollywood, torna a Fjällbacka per le riprese di un film su Ingrid Bergman di cui è la protagonista. Da ragazzina, Marie e la sua amica del cuore erano state accusate di aver ucciso la piccola Stella, una bimba di appena quattro anni, la cui morte aveva scosso la comunità. Quando alle porte di Fjällbacka un'altra bambina scompare misteriosamente nelle stesse circostanze, il ricordo di quei drammatici eventi riaffiora. Può davvero essere una coincidenza? Per capire se esiste un collegamento tra passato e presente, Patrik Hedström e la sua squadra devono disseppellire verità taciute per anni. Ed Erica, che al caso Stella lavora già da un po', ha intenzione di fare di tutto per aiutare la polizia.

Manca poco a Natale e Fjällbacka regala uno spettacolo fiabesco sul mare di ghiaccio. Martin Molin, collega di Patrik Hedström alla stazione di polizia di Tanumshede, ha raggiunto la fidanzata Lisette sulla vicina isola di Valö per una festa di famiglia. Mentre il vento infuria, durante la cena il vecchio patriarca dall'immensa fortuna muore improvvisamente. Nell'aria si avverte un vago aroma di mandorle amare, e a Martin Molin non resta che cercare di far luce su quella morte misteriosa.

I riflettori sono puntati su Fjällbacka per un reality show che sta per essere realizzato sull’isola. Le telecamere sono ovunque e con l'arrivo del cast si crea non poco scompiglio, tanto più che il produttore, consapevole che gli scandali aumentano l'audience, si diverte ad alimentare le tensioni tra i concorrenti. Il vicecommissario Patrik Hedström, distratto dai preparativi per il suo matrimonio con Erica, è in affanno: le indagini su una donna morta in circostanze sospette vanno a rilento. Cercando faticosamente di mettere insieme i pezzi di un caso dai mille colpi di scena, Patrik trova un diario e vecchi ritagli di giornale con indizi preziosi.

Erica Falck è tornata nella casa dei genitori a Fjällbacka, incantevole località turistica sulla costa occidentale della Svezia che, come sempre d'inverno, sembra immersa nella quiete più assoluta. Ma il ritrovamento del corpo di Alexandra, l'amica d'infanzia, in una vasca di ghiaccio riapre una misteriosa vicenda che aveva profondamente turbato il piccolo paese dell'arcipelago molti anni prima.

Nella soffitta di casa, in un baule dove la madre Elsy conservava i suoi oggetti più cari, Erica trova alcuni diari e una medaglia dell'epoca nazista avvolta in un camicino da neonato macchiato di sangue. Incuriosita, decide di rivolgersi a un vecchio professore di storia in pensione. Ma le risposte che riceve sono vaghe e, due giorni dopo, il professore viene assassinato. Mentre le pagine del diario di Elsy fanno luce su un passato drammatico, Erica cerca di capire chi è ancora disposto a tutto pur di tenere segreti eventi tanto lontani, anche a uccidere.

Da più di vent'anni una faida lacera la famiglia Hult: Ephraim, il predicatore, ha lasciato ai suoi discendenti un'eredità molto controversa. Il peso del sospetto continua a gravare su un ramo del clan, coinvolto  nella sparizione di due ragazze risalente a molti anni prima. Una vicenda che a Fjallbäcka torna sulla bocca di tutti dopo l'omicidio di una ragazza, quando sotto il corpo della vittima, la polizia scopre i resti di due scheletri. Erica Falck e Patrik Hedström, che presto avranno un bambino, sono coinvolti nell'indagine. La loro sarà un'angosciosa lotta contro il tempo, per sviscerare i meccanismi della seduzione del potere, sfidando la malevolenza di una piccola comunità di provincia carica di segreti.

Al largo di Fjällbacka, nella nassa di un pescatore a caccia di aragoste rimane impigliato il corpo senza vita di una bambina. Mentre Erica, mamma da poche settimane, è assorbita da una neonata che tutto le offre fuorché le "gioie deliranti della maternità" che si aspettava, Patrik guida le indagini. Ma chi può aver voluto la morte della piccola Sara? Il paese è alla ricerca di un capro espiatorio, la gente bisbiglia, i conflitti nutriti negli anni si fanno più aspri: dentro le case dalle facciate perfette affiorano drammi famigliari che il tempo non ha saputo placare.

Alla Millenium molti spingono per sostituire Mikael Blomkvist, il giornalista a capo della celebre rivista d'inchiesta e Mikael stesso comincia a chiedersi sulla sua visione del giornalismo. Sta affrontando questa crisi quando arriva una telefonata inattesa da parte di Frans Balder, un'autorità nel campo dell'intelligenza artificiale, chiede gli chiede un incontro. Grazie a Balder Mikael rivede Lisbeth Salander, una super hacker della quale non aveva più notizie da tempo, che lo guida in una nuova caccia ai cattivi che punta al cuore stesso della Nsa, il servizio segreto americano che si occupa della sicurezza nazionale.

Mentre Lisbeth Salander si ritrova nel carcere di Flodberga insieme alle peggiori delinquenti del paese a Mikael Blomkvist e Millennium vanno gloria e onori per lo scoop. La cosa non sembra preoccupare la  hacker che è in grado di tener testa alle detenute più spietate. Ora che è venuta in possesso di informazioni che potrebbero aggiungere un fondamentale tassello al quadro della sua tortuosa infanzia, vuole vederci chiaro. Con l’aiuto di Mikael comincia a indagare su nominativi di un elenco che risveglia in lei velati ricordi. In particolare, quello di una donna con una voglia rosso fiammante sul collo. Nella sua inestinguibile sete di giustizia, Lisbeth rischia di riaccendere le forze oscure del suo passato...

Rebecka Martinsson decide di lasciare lo studio di Stoccolma e accetta l'incarico di sostituto procuratore a Kiruna. Ma il ritrovamento di un corpo assiderato in un capanno sul ghiaccio spezza l'idillio della sua nuova vita. La vittima è una dirigente della grande impresa di estrazione di minerali preziosi fondata da Mauri Kallis, l'uomo cresciuto in quelle terre di boschi e silenzi, che come nelle favole è riuscito dal nulla ad accumulare una ricchezza smisurata. Rebecka Martinsson e l'ispettrice Anna-Maria Mella indagano sul gruppo Kallis Mining, scoprendo uno strano triangolo di affari e sentimenti, una storia di ossessione e commerci rischiosi, che mescolano pericolosamente politica e famiglia.

Nel nord della Svezia, Wilma e Simon, giovani e innamorati, stanno per affrontare l'avventura che attendevano da mesi. Vogliono immergersi nel Vittangijàrvi, alla ricerca del relitto di un aereo precipitato molto tempo prima. Ma mentre nuotano sul fondo del lago, qualcuno chiude l'apertura verso la superficie, posandoci sopra una porta di legno. Non avranno scampo. Mesi dopo il corpo di Wilma viene  alla luce e Rebecka Martinsson, procuratore a Kiruna, comincia una indagine nella sua amata terra lappone, che oltre alle meraviglie di una natura primitiva, le offre anche l'ostilità di una popolazione dura e sospettosa.

Nel giorno di mezza estate si compie un delitto feroce. Nella chiesa di Jukkasjärvi, piccola località vicino Kiruna, viene ritrovato il corpo del pastore Mildred Nilsson, una figura che con la sua intransigenza aveva diviso le anime del paese. L'avvocato Rebecka Martinsson, senza volerlo, si trova a dare una mano all'ispettrice di polizia Anna-Maria Mella, rientrata alla centrale dalla sua quarta maternità. Perché si è arrivati a tanto furore? Da che parte sta la ragione? Può davvero la colpa essere attribuita con certezza? Nel corso delle indagini, le due donne devono confrontarsi con l'odio e l'amore ferito che si mescolano in questa terra solitaria e primitiva non lontana dal circolo polare artico.

Sono passati molti anni da quando Harriet, nipote prediletta del potente industriale Henrik Vanger, è scomparsa. Da allora, ogni anno l'invio di un dono anonimo riapre la vicenda, un rito che si ripete puntuale e risveglia l'inquietudine di un enigma mai risolto. Ormai molto vecchio, Henrik Vanger decide di fare luce sul mistero e affida l’incarico di indagare a Mikael Blomkvist, noto giornalista che guida la rivista Millennium, specializzata in reportage di denuncia sulla corruzione e gli affari loschi del mondo imprenditoriale. Aiutato da Lisbeth Salander, giovanissima e abilissima hacker, Blomkvist indaga a fondo la storia della famiglia Vanger. E più scava, più le scoperte sono spaventose.

Mikael Blomkvist è tornato vittorioso alla guida di Millennium, pronto a lanciare un numero speciale su un vasto traffico di prostituzione dai Paesi dell'Est. L'inchiesta si preannuncia esplosiva: la denuncia riguarda un intero sistema di violenze e soprusi, e non risparmia poliziotti, giudici e politici, perfino esponenti dei servizi segreti. Ma poco prima di andare in stampa, un triplice omicidio fa sospendere la pubblicazione, mentre si scatena una vera e propria caccia all'uomo in cui la principale sospettata è Lisbeth Salander, la giovane hacker, «la donna che odia gli uomini che odiano le donne».

Alla hacker Lisbeth Salander hanno piantato una pallottola in testa e ora è in ospedale. La cospirazione di cui si trova suo malgrado al centro, iniziata quando aveva solo dodici anni, continua e lei deve sparire per sempre, meglio se rinchiusa in un manicomio. Intanto, il giornalista Mikael Blomkvist è riuscito ad avvicinarsi alla verità sul terribile passato di Lisbeth ed è deciso a pubblicare su "Millennium" un articolo di denuncia che farà tremare i servizi di sicurezza, il governo e l'intero paese. L'ultimo capitolo della trilogia di Stieg Larsson è ancora una volta una descrizione della società contemporanea sotto forma di thriller.

La quarantenne Vivian Glenne, madre di tre figli, viene ritrovata uccisa in un bosco vicino casa. Dan,il figlio di quindici anni, e l’amico, Jonas, decidono di indagare, convinti di sapere chi sia l'assassino. Nel frattempo, Marian Dahle e Cato Isaksen iniziano a lavorare sul caso. Scoprono che la vita della donna aveva lati oscuri, che coinvolgevano persone, come una strana coppia di vicini, Birgit e Frank Willmann, o lo stesso padre di Jonas. All'improvviso Roy Hansen, il compagno di Vivian Glenne, padre dei suoi due figli minori, scompare nei boschi circostanti la diga. La detective Dahle ha la sensazione di trovarsi di fronte a una storia malata e cerca di districarsi in un groviglio di piste confuse.

È un lunedì di giugno quando il furgone dei gelati passa in un quartiere residenziale alla periferia di Oslo. Mentre i bambini si accalcano per comprare un cono, il piccolo Patrik Øye scompare. A distanza di una settimana, Elna Druzika, giovane immigrata lettone, viene investita da un’auto rossa all’uscita dal lavoro. Dell’incidente si sa poco, solo che il corpo della ragazza presentava delle ferite precedenti all’impatto.
I due casi non sembrano avere alcun nesso, fino a quando Cato Isaksen non scopre che Wiggo Nyman, l’autista del furgone dei gelati, era il fidanzato di Elna. Spetterà all’ispettore e alla sua collega Marian Dahle appurare quali connessioni esistono tra le due vicende.

A Villa del Lieto Tramonto, casa di riposo immersa nella foresta di Helsinki, per Irma e Siiri, vivaci novantenni ospiti della residenza e provette Miss Marple, è l'ora del caffè. L'occasione per criticare il regolamento e l'incuria del personale specializzato, quello che figli e nipoti chiamano "servizi di eccellenza". Per fortuna si può anche uscire per rifarsi l'occhio con le bellezze della capitale finlandese, e così a Siiri e Irma capita di osservare, con bonario sarcasmo, le stranezze del mondo moderno. A turbare la routine delle amiche è però un fatto terribile: la morte misteriosa del giovane e allegro cuoco, accompagnata da una serie di episodi inquietanti che rivelano il lato sinistro di quel rifugio, ora non più così accogliente.

A Blackeberg, periferia ovest di Stoccolma, il ritrovamento del cadavere completamente dissanguato di un ragazzo segna l'inizio di una lunga scia di morte. Mentre nel quartiere si diffonde la paura, l'introverso dodicenne Oskar conosce Eli, una coetanea che si è appena trasferita nella zona. Ma c'è qualcosa di strano in lei, il viso smunto, i capelli scuri e i grandi occhi. Emana uno strano odore, non ha mai freddo, se salta sembra volare e, soprattutto, esce di casa soltanto la notte...

Chiuso in uno sgabuzzino dell'aeroporto di New York, Lars-Erik Hassel, cittadino di nazionalità svedese, subisce impotente lo strazio infertogli dal suo aguzzino. Un dolore muto pervade tutto il suo corpo. Che brutto modo di morire, è il suo ultimo pensiero. Scoperto il cadavere, per l'FBI non ci sono dubbi sull'identità dell'assassino, lo strumento di morte rimanda inequivocabilmente a una vecchia conoscenza: dopo anni di silenzio, il Killer del Kentucky è tornato a colpire. Ma per quale ragione uno dei serial killer più brutali e sfuggenti della storia criminale degli Stati Uniti ha deciso di imbarcarsi su un volo diretto a Stoccolma?

Ivar Killi, poliziotto in congedo, viene ucciso a pochi passi dal dipartimento di polizia di Oslo. Le indagini vengono affidate all’ispettore Gunnarstranda, ma alcuni colleghi non sono d’accordo. Prove determinanti spariscono dal suo stesso ufficio e dall’appartamento sigillato della vittima. Qualcuno sta facendo di tutto per ostacolare il suo lavoro, e alla fine il caso gli viene tolto. Gunnarstranda torna così a far coppia con Frank Frølich, e insieme a lui dovrà occuparsi della scomparsa diun noto avvocato, seguendo un’indagine che, per vie fortuite, lo riporterà sulle tracce dell’omicidio di Killi.