L'amicizia

I bambini conoscono molto bene l’amicizia. Amicizia intesa come affetto puro e disinteressato. Amicizia sentita come condivisione. Di cose, di emozioni, di vita. 

Un elenco di libri per raccontare storie che valorizzano questo nobile sentimento.

 

Il testo è scritto sotto forma di filastrocca, una cantilena ripetuta che crea un rituale molto importante per i bambini.

Una famiglia, con bambini di età diverse, decide di partire alla ricerca dell’orso. Il paesaggio è tipicamente inglese, fatto di colline verdi, fiumi, fango e boschi. I bambini, sempre in gruppo, attraversano “un campo di erba frusciante (svish, svush)”, “un fiume freddo e fondo (splash, splosh)”, “una pozza di fango limaccioso (squelch, squalch)” e “un bosco buio e fitto (scric scroc)” incontrano alla fine l’orso in “una grotta fredda e buia (brrrr brrrr)” e cosa si fa di fronte ad un orso? Ovviamente si SCAPPAAAA… E così, sia le illustrazioni sia il ritmo narrativo, si trasformano da distesi a incalzanti e veloci, con l’orso sempre alle calcagna. I bambini riusciranno a seminare l’orso solo sulla porta di casa… ma l’immagine finale dell’orso che si allontana tristemente fa, forse, intendere che era alla ricerca di compagnia, più che di bambini da mangiare.

Albo illustrato: adatto a laboratori musicali e sonori e letture genitori/figli

Età: dai 3 anni

Tematiche: avventura, gruppo come risorsa, amicizia, compagnia.

 

Alice e la sua migliore amica Beatrice abitano l’una di fronte all’altra. Sono amiche da sempre, si conoscono da prima di nascere. Beatrice ha un nome bellissimo, anche lei è bellissima e ha capelli lunghi che quando si fa le trecce tutti la guardano incantati. Non ha sorelle o fratelli rompiscatole. I genitori la riempiono di regali, ha un cane meraviglioso che le fa sempre le feste e fa viaggi strepitosi. Alice no, ha una sorellina che è una peste e a volte vorrebbe vivere la vita di Beatrice. Si sente meno bella e meno fortunata della sua amica.

Un giorno, però, succede qualcosa: Beatrice piange ed è triste. Alice la consola ricordandole quanto è fortunata, ma Beatrice riesce a tranquillizzarsi solo quando la sua amica le ricorda quanto è importante per lei semplicemente per quel che è, così com’è, come una sorella. 

Le illustrazioni riempiono gran parte del racconto, sono semplici, delicate e accattivanti. In primo piano vengono evidenziate le figure delle protagoniste e le loro attività. I colori sono tenui grazie all’utilizzo degli acquerelli, con sottili contorni neri a definire gli oggetti.

Albo illustrato: adatto a laboratori didattici, letture genitori/figli e lettura autonoma

Età: dai 6 anni

Tematiche: amicizia. sorellanza, condivisione, prime paure, crescita

 

Quanti di voi, hanno fatto volare un aquilone oppure non si è lasciato incantare mentre volava nel cielo? 

Nicoletta Costa, con le sue originali illustrazioni, caratterizzate da vivaci colori, ci racconta la storia del signor Aquilone.

l signor Aquilone vive da solo sopra una nuvola. La sua nuvola ha tutte le comodità. Però il nostro protagonista è triste perché si sente solo. Un giorno arriva una famiglia di uccellini e finalmente Aquilone trascorre una bellissima giornata in compagnia, ma poi la famiglia se ne va e Aquilone è di nuovo triste. Non si è però accorto che un uccellino è rimasto sulla nuvola. 

E’ normale sentirsi soli qualche volta, ma è possibile incontrare nuovi amici in qualsiasi momento della vita.

Una bella storia sull'amicizia e sull’importanza di condividere esperienze con gli altri.  

 

Albo illustrato adatto ad attività di lettura e laboratori didattici

Età di lettura: da 3 anni.

Tema: Amicizia, solitudine, condivisione.

Pompeo è un cane randagio, senza casa né amici. È triste e solo, ha fame e freddo. Camminando, vede una casa al cui interno vi sono cucce morbide e cibi caldi. Pompeo non aspetta un secondo in più e ci si infila dentro. Madame, la padrona di casa, vorrebbe tenerlo, ma le sei gatte che vivono con lei non sembrano per nulla favorevoli. Il cagnolino, per rimanere lì, finge quindi di essere un gatto. Miagola, soffia, rizza il pelo e fa le fusa. Confuse, le micie accettano, piano piano, il nuovo “gatto”, trascorrendo le giornate insieme divertendosi. Un giorno, per aiutare la sua padrona, Pompeo fa uscire la sua natura canina e inizia ad abbaiare forte, salvando così Madame. Grazie a questo episodio, tutte in casa sono contente di avere un cagnolino! 

I disegni acquerellati hanno colori tenui e caldi, come a sottolineare quella sensazione di casa, accoglienza e comfort. Le immagini sono delineate da tratti neri sottilissimi e le tavole sembrano incollate alle pagine bianche, circondate da una scrittura essenziale.

Albo illustrato: adatto a laboratori didattici, letture genitori/figli

Età: dai 3 anni

Tematiche: diversità, accoglienza, amicizia.

 

C’è un gatto, di colore rosso, che si chiama Rosso Micione. È un gatto con i baffi al vento e se ne va per boschi e prati dove lo porta la curiosità. Un giorno trova un uovo e vorrebbe tanto mangiarlo, ma poi ci pensa un attimo e giunge alla conclusione che sarebbe meglio mangiare un uccello. Così si mette a covare l’uovo. Un mattino, l’uovo si rompe ed esce un piccolo uccellino, che Rosso Micione vorrebbe mangiare in un sol boccone ma, pensandoci bene, forse sarebbe meglio un uccello più grande! Da quel giorno Rosso Micione inizia a prendersi cura dell’uccellino, fino a quando si rende conto di essere diventato suo amico.

Con il trascorrere dell’estate l’uccello, diventato ormai grande, deve partire per i paesi caldi, ma promette al gatto che tornerà. Durante l’inverno Rosso Micione si annoia tantissimo, ma con l’arrivo della bella stagione ecco che torna il suo amico, insieme a una uccellina a i loro cinque figlioletti.

Il libro si divide in due: sulle pagine di destra ci sono le grandi illustrazioni, mentre sulla sinistra ci sono le scritte nero su bianco. Le illustrazioni vedono un unico sfondo giallo a tratti rossi con in primo piano il protagonista ad occupare tutto lo spazio della pagina. Le espressioni rafforzano il tema della storia, grazie anche ai contorni neri e spessi che mettono in risalto i personaggi e aiutano i lettori più piccoli a comprendere la storia attraverso le immagini.  


Albo illustrato: adatto a laboratori didattici, letture genitori/figli

Età: dai 3 anni

Tematiche: amicizia, accettazione, condivisione, cura, convivenza, accoglienza

 

Un piccolo pesce e un girino nuotano in uno stagno vicino al bosco. Sono amici inseparabili. Con il passare del tempo, il girino cresce e diventa una rana. Esce dall’acqua ed esplora diversi mondi, scoprendo nuove terre e nuovi personaggi. Il pesce, invece, conosce solo il suo ambiente: l’acqua. Quando la rana torna dal suo incredibile viaggio, racconta al pesce tutte le cose nuove che ha visto. Il pesce, preso dalla curiosità, fa un grande balzo ed esce fuori dall’acqua, perché anche lui vuole conoscere cose nuove. Ma uscire dal suo habitat non è una giusta mossa, anzi, è molto rischiosa in quanto il pesce fuori dall’acqua non riesce più a respirare! Con un filo di voce chiede aiuto e grazie all’intervento della rana, riesce a salvarsi. Il pesce capisce che non si possono sfidare le leggi della natura e che la felicità sta nel saper accettare la propria condizione, anche se questa potrebbe presentare dei limiti, imparando ad osservare le cose positive che ci circondano.

Le tavole illustrate si uniscono al racconto scritto. Le parole si trovano nella parte alta della pagina e sotto di esse si svolge la scena disegnata, così da rafforzare la descrizione del mondo sott’acqua. I disegni sembrano fatti con tempere o matite colorate, con colori delicati, come se fossero creati dagli stessi bambini.

Albo illustrato: adatto a laboratori didattici, letture genitori/figli e lettura autonoma

Età: dai 4 anni.

Tematiche: amicizia, accettazione, felicità, ricerca di sé.

 

Il giorno del suo compleanno, Marcel invita Tristan a fare merenda a casa sua. Tristan arriva a casa di Marcel con un pacco dono contenente un ritaglio di stoffa, anche se Marcel avrebbe preferito una trottola. Quando cominciano a fare merenda, il pezzo di stoffa diventa all’improvviso un bavaglino per non sporcarsi. Finita la merenda, i due escono a fare una passeggiata e iniziano a fare un sacco di cose con il pezzo di stoffa, che diventa prima un turbante per proteggersi dal caldo, poi una vela per la barca, poi ancora un paraorecchie per ripararsi dal vento o un paracadute per volare prima a casa. Infine, diventa un fazzoletto che Marcel, alla fine di quella giornata speciale, usa per salutare il suo amico Tristan che sta per tornare a casa. “Grazie del regalo, lo preferisco alla trottola!”.

Le illustrazioni sono semplici, delicatamente accennate grazie all’utilizzo degli acquerelli. Tutti i personaggi e gli oggetti sono definiti con contorni neri sottili, tranne il pezzettino di stoffa, che sembra ritagliato e incollato sulle pagine.

Albo illustrato: adatto a laboratori didattici e letture genitori/figli

Età: dai 3 anni

Tematiche: amicizia, dono, condivisione, creatività, consumismo